LEGGE BRUNETTA, PALMIERI (LP): “Ora codice etico per amministratori”

ROMA, 23 FEB – “La legge ‘Brunetta’ si fonda su principi seri e riformatori, indispensabili per rendere l’amministrazione efficace, efficiente, competitiva con il mondo globalizzato che detta i ritmi della nostra economia”.

Pino Palmieri, consigliere regionale del Lazio della Lista Polverini, è intervenuto cosi alla discussione riguardo l’approvazione, da parte dell’assemblea, della nuova legge di riforma.

“La Politica, che oggi si pone il grande obiettivo di riformare la PA, non può rappresentare il semplice strumento attraverso il quale questi principi vengono assorbiti in una legge, ma deve esserne essa stessa vera protagonista. Viviamo in un momento storico nel quale i dibattiti politici sono dominati dalla questioni private, mentre dovrebbero essere proprio i temi della gestione della cosa pubblica a ricoprire un ruolo di primaria importanza”

“Reputo dunque fondamentale, – ha continuato poi l’onorevole - in questa giornata, andare a sostenere con convinzione i principi che riformano la PA. Non posso non sottolineare, inoltre, quanto avrei apprezzato se tali disposizioni fossero state applicate anche riguardo la condotta di tutti coloro che si fregiano dell’appellativo di Onorevole, dando così il buon esempio ai cittadini che ci hanno delegato attraverso il voto. Chiedo al Presidente del Consiglio, pertanto, di farsi carico di inserire nell’agenda politica della commissione competente, la mia proposta di stilare un codice etico del buon amministratore, da poter adottare quanto prima in tutte le istituzioni laziali. In tal modo, potremo lanciare un modello amministrativo che sia proprio di tutte le forze politiche e che rappresenti un esempio per il Paese” .